Prodotto tipico di Novara di Sicilia – Maiorchino

Il prodotto tipico di Novara di Sicilia che rappresenta il comune per eccellenza è il maiorchino. Esso è un formaggio in pasta dura cruda proveniente dalla lavorazione di latte ovino intero crudo misto a quello di capra. I comuni in cui viene prodotto risiedono nel territorio compreso tra i monti Peloritani ed i monti Nebrodi. Questo formaggio dall’aspetto compatto ed invitante si presenta: con una forma cilindrica dai 10 ai 14 centimetri di circonferenza; un peso dai 10 ai 20 chilogrammi; una crosta sottile, liscia, di colore giallo paglierino tendente al giallo ambrato in base al grado di stagionatura; una pasta gialla paglierino carico, compatta, morbida se poco stagionata; un sapore dolce e delicato, tendente al piccante in base alla stagionatura; un odore di erbe aromatiche con note di mela e vaniglia che si intensificano quando la stagionatura è maggiore.

Tecniche di produzione
I segreti per produrre questo buonissimo prodotto tipico di Novara di Sicilia risiedono nelle tecniche di lavorazione manuali e negli attrezzi utilizzati, come la “quarara”, la “brocca”, la “Gàrbua” (fascera di legno), il “mastrello” (tavoliere di legno), le “fascedde”, il “minaccino” (sottile asta di ferro). Inizialmente si munge il latte, e si prendono in considerazione massimo due mungiture successive, ovvero quella della sera e quella del mattino seguente. Esso verrà filtrato e versato in un grosso contenitore in rame ponendolo sul fuoco ad una temperatura di 60 gradi. Successivamente si toglie dal fuoco, si cola e si versa il caglio in appositi recipienti. Dopo un’ora con la “brocca” di legno verrà mescolato finchè il composto si dividerà in piccole particelle. Si porta il tutto ad una temperatura di 100 gradi, si decanta e si abbassa a 50 gradi tale da poter essere lavorato con le mani. Il risultato viene posto in forma circolare sulla “gàrbua” poggiata sul “mastrello” nel quale può avviene l’ultima modellazione. A questo punto si procede con la stagionatura e la salatura. Si prevede un arco temporale di minimo quattro mesi per il maiorchino semistagionato, e superiore ai sei mesi, per il maiorchino stagionato.

visitato 1385 volte, 1 visite oggi

Aggiungi un Commento

Inserisci una valutazione cliccando sulle stelle in basso:

Articoli correlati